Nascere in sicurezza a Kabala – nuovo progetto

Nascere in sicurezza a Kabala in Sierra Leone

Attività  n 1 Progetto “Nuove strategie di approccio alla salute materna e infantile nell’ Ospedale di Kabala in Sierra”  progetto a bando 2016 – Cooperazione Sanitaria Internazionale.

Il problema

La Sierra Leone è uno dei paesi in cui il parto è più difficile; l’indice di  mortalità materna è molto alto 1360 morti per 100,000 nati vivi, quasi il triplo della media per l’Africa Subsariana che è 546; in Italia per avere un’idea è 4.

Sono particolarmente a rischio le partorienti che vivono in zone rurali, assistite da personale sanitario presso i locali CHP Community (controllare) o in casa da levatrici tradizionali e donne delle comunità, che gestiscono l’ordinario e sono addestrate ad individuare situazioni critiche ma non hanno le competenze per affrontarle efficacemente.

Quando il parto è a rischio ed è necessario un intervento medico il trasferimento all’Ospedale di Kabala, l’unico attrezzato,  avviene all’ultimo momento con mezzi di fortuna perché le famiglie non possono permettersi di stare in città nei giorni precedenti al parto. Quando le donne arrivano  all’ospedale troppo spesso  la situazione è ormai compromessa ed è tardi per salvare madre e bambino.

E’ necessario, quindi, offrire alle future madri a rischio un posto dove stare gratuitamente e, sotto controllo di personale qualificato per partorire in sicurezza nell’ospedale di Kabala.

Ospedale di Kabala Ginecologia

L’azione specifica

Per contribuire alla lotta contro la mortalità materna ed infantile abbiamo scelto di sostenere una parte fondamentale del programma di lotta alla mortalità di Medici Senza Frontiere- Sezione Spagna: la creazione presso l’Ospedale di Kabala di una “Casa di accoglienza per le madri” in cui le donne prossime al parto ed a rischio possano stare gratuitamente ed essere  seguite dallo staff sanitario  dell’Ospedale.

Medici Senza Frontiere – Sezione Spagna costruisce la struttura ed assicura la gestione medica ed il coordinamento in loco mentre la nostra associazione si è impegnata a sostenere i costi della gestione ed integrare le competenze mediche.

La casa delle partorienti in un villaggio

l nostro progetto sostiene l’attività della casa  coprendo le spese per

  • Trasferimento sicuro dal villaggio all’ospedale
  • Vitto per le mamme ospitate
  • Integrazione dello stipendio del personale sanitario che coordina le attività ed assiste le donne

    Informazioni per le future mamme

Il nostro personale medico durante le missioni in programma contribuirà sia alla formazione del personale sia all’intervento diretto per lo donne.

Volontari medici italiani a Kabala

La nostra associazione effettuerà una supervisione attenta delle attività e della gestione dei fondi in loco.

La casa è stata costruita  da Medici Senza Frontiere –Sezione Spagna nell’ambito di progetto pluriennale di miglioramento della ginecologia e sala parto dell’Ospedale di Kabala nella regione di Koinadugu Sierra Leone attraverso ristrutturazione dell’Ospedale, formazione del personale e presenza operativa.

Il progetto di Medici Senza Frontiere opera principalmente nel capoluogo regionale di Kabala ed in alcune delle strutture periferiche.

Crediamo fortemente nella cooperazione e nell’ottimizzazione degli sforzi di tutti coloro che operano sul territorio del distretto e che il nostro contributo sia determinante per diminuire l’incidenza della mortalità materna infantile attraverso la  semplice azione  di trasferire le partorienti in tempo dai villaggi all’Ospedale di Kabala quando il parto è a rischio e , quindi, permettere di godere di una buona assistenza.

 

Perché sostenere questo progetto

Il progetto

  • individua una necessità specifica, permettere alle partorienti di raggiungere l’ospedale prima che sia troppo tardi, offre una risposta concreta, un posto dove stare in attesa del parto sotto controllo medico
  • si inserisce in un progetto di più ampio respiro di Medici Senza Frontiere – Sezione Spagna, una delle Ong più serie ed efficienti del mondo
  • interviene in una logica di medio e lungo periodo e non come intervento singolo per un miglioramento del sistema.

La nostra associazione e le altre associazioni partner lavorano a Kabala in Sierra Leone da molti anni:

  • Abbiamo realizzato numerose opere ed interventi strutturali.
  • Inviamo con continuità missioni mediche che hanno salvato centinaia di persone
  • Controlliamo con grande attenzione l’utilizzo dei fonti e rendicontiamo con la massima trasparenza ai nostri donatori come abbiamo speso i soldi
  • I fondi sono impiegati direttamente sul posto per i beneficiari con bassisimi costi di struttura

 

Cosa puoi fare per aiutarci

Dona

Il tuo contributo consente di integrare il contributo regionale e proseguire le attività quando sarà concluso il progetto finanziato

Puoi donare a c/c

Istituto di credito: BANCA PROSSIMA (Gruppo Intesa San Paolo)
IBAN: IT 94R 03359 01600 100000 154995

Diventa un volontario di Africamica Onlus

Partecipa alle nostre attività di sensibilizzazione, raccolta fondi ed eventualmente ai viaggi di conoscenza in Sierra Leone.

Contattaci per diventare un volontario
asso.africamica@libero.it

Proponi iniziative di sensibilizzazione e raccolta fondi

Sei in un club, un’ associazione, una proloco, un’impresa, un pubblico esercizio? Credi nella solidarietà?  Vuoi  fare qualche cosa di concreto? Contattaci! Possiamo co-organizzare un evento od un’attività di sensibilizzazione e raccolta fondi.